Memorie collettive del Mediterraneo
Memorie collettive del Mediterraneo

h. 18:00 - Incontro

Guardando al Mediterraneo come spazio di transito, vogliamo ascoltare le storie che lo abitano. Che nomi portano? Qual è il loro passato? quale futuro immaginavano?

Raccontare queste storie significa riconoscerle come parte di esperienze condivise, che uniscono le diverse sponde del Mediterraneo. In questo spazio, ci sono storie di movimento, di arrivi, di desiderio di partire, ritorni non sempre volontari. Ci sono storie sospese: mai arrivate e mai tornate. Corpi che sbarcano e non hanno nome, corpi cercati e non trovati.

Riportando storie dalla Tunisia e dall’Italia, oggi a raccontare il Mediterraneo è l’impegno di famiglie, attivisti e attiviste, solidali che chiedono giustizia e verità per i dispersi tra queste sponde, per chi è respinto, per chi muore alle frontiere della Fortezza Europa.

Intervengono

Jalila Taamallah Ep Khenissi – attivista tunisina a supporto delle famiglie degli scomparsi per migrazione, familiare di due vittime delle politiche di confine

Silvia Di MeoMem.Med. in supporto alla ricerca delle persone migranti disperse nel Mediterraneo e monitoraggio delle pratiche di confine

Nadia Chaouch – dottoranda dell'Università di Genova, indaga le deportazioni dall'Italia alla Tunisia di migranti tunisini

Introduce

Jacopo Anderlini – ricercatore dell'Università di Parma su migrazioni e politiche di confine nel Mediterraneo, in Italia e in Tunisia

h. 20:00 - Cena a sostegno delle famiglie tunisine

OFFERTA LIBERA - È consigliata la prenotazione al +39 3461663238

Evento organizzato dalla Clinica sociologico-giuridica "Migrazioni e frontiere" dell'Università di Parma, da Mem.Med. MemoriaMediterranea e da Cucine Popolari.

11 days ago
Fondo Comini
68, Via Aristotile Fioravanti, Arcoveggio, Navile, Bologna, Emilia-Romagna, 40129, Italia
Add to calendar
Download flyer