Presentazione della rivista "Gli asini" - memoria e intelligenza artificiale
Presentazione della rivista "Gli asini" - memoria e intelligenza artificiale

Presentazione degli ultimi numeri della rivista "Gli asini" dedicati a
"Possibilità e impossibilità della memoria" e"Intelligenza artificiale o stupidità naturale?"

- Piergiorgio Barbetta, insegnante
- Elena Monicelli, coordinatrice della Scuola di pace di Monte Sole
- Annalisa Pelizza, docente Università di Bologna
- Simone Vagnoni, Reclaim the Tech
ne discutono con la Redazione della rivista.

La memoria di ciò che è stato non porta il passato a insegnare, rivelare o spiegare. È un’impresa del presente che riesce solo a certe condizioni di impegno, responsabilità, tenacia, umiltà. Interrogare i luoghi e gli oggetti; intendere i frammenti di legami e di discorsi che furono e tradurli in storie, significa contrattare dolorosamente un senso per ciò che del passato ci condiziona. Oggi con la proliferazione sui nuovi supporti di una messe di immagini e registrazioni, ci si potrebbe illudere che la memoria sarà più forte, più netta, più facile. Invece il lavoro di riconsiderare e ricostruire i frammenti del passato per dare senso al futuro si proporrà come sempre fallibile e delicato, atto di creazione e di servizio, di audacia e di umiltà.

Di Intelligenza artificiale si parla ovunque. Ma non è facile districarsi nell’informazione mainstream – omologata nell’esaltarne le “magnifiche sorti e progressive” – e tracciare un percorso critico che ne metta in luce le problematiche, intrecciate a molteplici ambiti sociali. Per farlo è necessario indagare l'IA da diversi punti di osservazione. La tecnologia non è neutrale. È banale ripeterlo, ma continua ad essere necessario, dal momento che questo concetto sembra essere estraneo al dibattito politico e faccia fatica a penetrare nel senso comune. Occorre decostruirne i meccanismi operativi e i presupposti ideologici., e indagare il funzionamento dei nuovi strumenti basati sull'interrogazione tramite il linguaggio naturale, come ChatGPT e Bard.

Due temi apparentemente distanti, ma - come vedremo - diversi fili li legano.

“Gli asini” è una rivista di cultura, politica, educazione e società nata per iniziativa di Goffredo Fofi.
La redazione è composta da gruppi di operatori e operatrici impegnati in diversi ambiti dell’educazione, della formazione e dell’intervento sociale: dentro e fuori la scuola, con stranieri, adulti, bambine e ragazzi. Seppur di diversa provenienza geografica, politica e religiosa, ciò che ci accomuna è un’idea “forte” di educazione intesa come fondamentale dimensione di raccordo tra cultura e morale, tra individuo e comunità. Accanto e insieme a noi scrive un gruppo di operatori culturali, artisti, ricercatori curiosi, giornalisti di inchiesta, esperti che a vario titolo si occupano di altre parti del mondo.

https://gliasinirivista.org/

7 months ago
Libreria Modo Infoshop
Via Mascarella 24/b