La montagna ferita: la nuova seggiovia sul Corno Le Scale
La montagna ferita: la nuova seggiovia sul Corno Le Scale

Non serve la sfera di cristallo per sapere che ci aspettano inverni più brevi, più caldi, con meno neve dal cielo e meno durevole a terra. Lo sci da discesa è destinato ad essere un’attività sempre più energivora, inquinante, costosa, elitaria, assetata d’acqua e di denaro pubblico. Invece, mentre tutti discutono del cambiamento climatico, sulle montagne tra l’Emilia e la Toscana si parla di allargare le stazioni sciistiche, di creare il più vasto comprensorio dell’Appennino settentrionale, e pazienza se lassù c’è più vento che neve, e un’unica vetta, il Cimone, che supera di poco i duemila metri.

Cosa prevede il progetto? Quali sono gli impatti e i costi?

E quali le alternative?

Ne parleremo con:

- Wu Ming 2 (scrittore)

- Marta Ginanneschi (antropologa)

- Vinicio Ruggeri (Club Alpino Italiano)

L'incontro segue la presentazione del libro 'IInverno liquido, un libro di Maurizio Dematteis e Michele Nardelli' organizzata dal comitato “Un altro Appennino è possibile”, in collaborazione con la libreria Modo Infoshop e in programma l'11 febbrario

(foto di copertina: Michele Lapini)

1 year ago
Aula Roveri
Via Zamboni 38